Venerdì 29 gennaio la nostra cooperativa si è recata presso la Cassa Rurale sede centrale di Rovereto per visitare la Banca e per effettuare i bonifici a favore dell'Associazione Spagnolli Bazzoni (sostegno a distanza) e dell'Associazione Athena, che si occupa di sostenere ed aiutare genitori di figli portatori di handicap.

Il Dott. Alessandro Raoss, che abbiamo conosciuto in occasione della inaugurazione della nostra cooperativa scolastica, ci ha condotti all'interno della banca; qui abbiamo incontrato dei funzionari, tra i quali il signor Larcher, che ci ha raccontato la storia della Cassa Rurale e ci ha spiegato in che modo essa si pone al servizio della collettività, reinvestendo i risparmi raccolti a vantaggio di tutta la comunità: è questo ciò che differenzia una Cassa Rurale da una qualsiasi altra banca.

La sua storia inizia a Rovereto nel 1899 , in un periodo di grave crisi economica, offrendo aiuto alle famiglie più bisognose. Oggi parte degli utili viene destinata alla solidarietà, ad attività benefiche, al sostegno di varie associazioni e cooperative di Rovereto. La Cassa Rurale inoltre finanzia progetti che ritiene validi e utili per la collettività e collabora a manifestazioni di particolare significato per il territorio.

I soci si ritrovano due volte all'anno per discutere del bilancio, dei progetti e del futuro della banca.

caveau

Verso la fine della nostra visita ci siamo recati nel caveau, cioè il locale blindato che contiene i valori che custodisce la banca. Pensavamo di trovarci davanti a montagne di lingotti e di banconote , ma il funzionario ci ha spiegato che oggi nessuna banca ha una riserva consistente di oro o denaro contante!

Poi ci siamo diretti allo sportello dove il tesoriere della nostra cooperativa, Adriano Ferrari , assistito dal Prof. Potrich, ha effettuato i 2 bonifici.

I documentaristi Antonio Guida e Andrea Russo